Vincenzo Di Giuseppe

Continuate a seguire Gesù Cristo


lighthouse-night

Gesù ha detto: “Io son la luce del mondo; chi mi seguita non camminerà nelle tenebre, ma avrà la luce della vita” (Giovanni 8:12). Vi esorto dunque fratelli a continuare a seguire Gesù Cristo per avere la luce della vita. Sappiate infatti che coloro che hanno smesso di seguirlo sono tornati a camminare nelle tenebre. Chi ha orecchi da udire, oda

 

Giacinto Butindaro

Il vituperio di Cristo è ricchezza maggiore delle ricchezze del mondo


ricchezze-mondo

Stavo meditando su quello che dice lo scrittore agli Ebrei: “Per fede Mosè, divenuto grande, rifiutò d’esser chiamato figliuolo della figliuola di Faraone, scegliendo piuttosto d’esser maltrattato col popolo di Dio, che di godere per breve tempo i piaceri del peccato; stimando egli il vituperio di Cristo ricchezza maggiore de’ tesori d’Egitto, perché riguardava alla rimunerazione” (Ebrei 11:24-26). In particolare su queste parole ‘stimando egli il vituperio di Cristo ricchezza maggiore de’ tesori d’Egitto’. Avete capito dunque l’alta considerazione che aveva Mosè del vituperio di Cristo? Hai tu dunque la sua stessa considerazione? Stimi l’essere vituperato a cagione di Cristo una enorme ricchezza, maggiore delle ricchezze di questo mondo? O sei tra quegli insensati che pur definendosi Cristiani stimano le ricchezze del mondo ricchezza maggiore del vituperio di Cristo? Per quanto mi riguarda, ho la stessa convinzione che aveva Mosè sul vituperio di Cristo, ma anche quella che aveva l’apostolo Pietro che ci ha detto: “Se siete vituperati per il nome di Cristo, beati voi! perché lo Spirito di gloria, lo Spirito di Dio, riposa su voi” (1 Pietro 4:14). Sono dunque felice di essere reputato degno di essere vituperato per il nome di Gesù Cristo, il nome che è al disopra d’ogni nome.

 

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

 

Preparati per la gloria

 

preparati-per-la-gloria

Adesso per un pò di tempo siamo afflitti da svariate prove, affinché la prova della nostra fede, molto più preziosa dell’oro che perisce, eppure è provato col fuoco, risulti a nostra lode, gloria ed onore alla rivelazione di Gesù Cristo. Questo ci ha detto il nostro fratello Pietro da parte di Dio (1 Pietro 1:6-7), e noi gli crediamo. Anche il nostro fratello Paolo ci ha detto da parte di Dio qualcosa di simile, infatti ha scritto che “la nostra momentanea, leggera afflizione ci produce un sempre più grande, smisurato peso eterno di gloria” (2 Corinzi 4:17), e noi crediamo anche alle sue parole. Noi dunque non veniamo meno nell’animo, in quanto stimiamo che le sofferenze del tempo presente non siano punto da paragonare con la gloria che ha da essere manifestata a nostro riguardo. A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen.

 

Giacinto Butindaro

 

---Audio Mp3---

Dio

Dio Come Dio ci guida - Introduzione - Le Sacre Scritture ( 20,1 MB - 1 h 54 ' ). Iddio fa conoscere all'uomo la sua 'volontà' in varie maniere, in questo insegnamento viene trattato quello attraverso le sacre Scritture (predicazione di Giacinto Butindaro). Come Dio ci guida – Consigli,...

Gesù Cristo

Gesù Cristo La storia di Gesù di Nazaret, il Salvatore del mondo ( 39 MB - 41' ) Le due nature di Gesù Cristo ( 90 MB - 1 h 37 ' ) - Predica di Giacinto Butindaro.   La messianità di Gesù di Nazaret ( 138 MB - 2 h 27' ) - Predica di Giacinto Butindaro. Ecco l'agnello di Dio che...

Lo Spirito santo

Lo Spirito santo Il battesimo con lo Spirito Santo ( 77 MB - 1h 24' ). (di Giacinto Butindaro). I doni spirituali ( 181 MB - 3 h 13 ' ) (di Giacinto Butindaro). Contro i falsi battesimi con lo Spirito Santo e le false interpretazioni delle lingue ( 93 MB - 1 h 41' ) (di...

Angeli, Satana, demoni e gli spiriti

Angeli, Satana, demoni e gli spiriti Demonologia - Satana ( 104 MB - 1 h 50 ' ) - Predica di Giacinto Butindaro.  Demonologia - Angeli caduti e demoni ( 112 MB - 2 h ) - Predica di Giacinto Butindaro. Contro le invocazioni fatte agli angeli e il dare loro degli ordini ( 12 MB -...

L'uomo e il peccato; la salvezza, la giustificazione ed il riscatto

La salvezza dal peccato ( 15,7 MB - 1 h 29 ' ) - Predica di Giacinto Butindaro. La giustificazione ( 20 MB - 1 h 54 ' ) - Predica di Giacinto Butindaro. La nuova nascita ( 87 MB - 1 h 32 ' ) - Predica di Giacinto Butindaro. L'Evangelo mediante il quale siamo salvati ( 17,4...

La Chiesa e l'opera

La Chiesa e l'opera La Chiesa ( 131 MB - 2 h 20 ' ) Dei vescovi e dei diaconi ( 76 MB - 1 h 13' ) L'imposizione delle mani ( 15,3 MB - 1 h 27 ' )  I doni di ministerio - Introduzione - L'apostolo ( 86 MB - 1 h 32 ' ) I doni di ministerio - Il profeta ( 113 MB - 2 h )...

ESCATOLOGIA

Escatologia Contro l'annichilimento dei malvagi ( 15,6 MB - 1h 28' ) Il ritorno di Gesù Cristo e gli eventi che seguiranno ( 90 MB - 1h  36' )  La risurrezione dei morti ( 108 MB - 1h  55' ) Il rapimento segreto della chiesa di Dio Dove va il...

E se il nostro vangelo è ancora velato, è velato per quelli che son sulla via della perdizione...

E se il nostro vangelo è ancora velato, è velato per quelli che son sulla via della perdizione...

 
 Perciò, avendo questo ministerio in virtù della misericordia che ci è stata fatta, noi non veniam meno nell'animo,  ma abbiam rinunziato alle cose nascoste e vergognose, non procedendo con astuzia né falsificando la parola di Dio, ma mediante la manifestazione della verità raccomandando noi stessi alla coscienza di ogni uomo nel cospetto di Dio.  E se il nostro vangelo è ancora velato, è velato per quelli che son sulla via della perdizione,  per gl'increduli, dei quali l'iddio di questo secolo ha accecato le menti, affinché la luce dell'evangelo della gloria di Cristo, che è l'immagine di Dio, non risplenda loro.  Poiché noi non predichiamo noi stessi, ma Cristo Gesù qual Signore, e quanto a noi ci dichiariamo vostri servitori per amor di Gesù;  perché l'Iddio che disse: Splenda la luce fra le tenebre, è quel che risplendé ne' nostri cuori affinché noi facessimo brillare la luce della conoscenza della gloria di Dio che rifulge nel volto di Gesù Cristo. (2Cor 4:1,6)
 
Dunque fratelli perseveriamo come si conviene nella fede e nella Parola di Dio, sforziamoci di mantenere sempre viva la nostra fiamma, attraverso la lettura e lo studio della Parola di Dio, pregando in ogni tempo. 
 
Vincenzo Di Giuseppe
 


 

Sul Tuo Banco..
 
'Lèvati, scendi in casa del vasaio, e quivi ti farò udire le mie parole'. Allora io scesi in casa del vasaio, ed ecco egli stava lavorando alla ruota; e il vaso che faceva si guastò, come succede all'argilla in man del vasaio, ed egli da capo ne fece un altro vaso come a lui parve bene di farlo.
E la parola dell'Eterno mi fu rivolta in questi termini: 'O casa d'Israele, non posso io far di voi quello che fa questo vasaio?(Geremia 18:2,6)
 
Molti sono scesi dal banco del vasaio, alcuni non sono mai saliti, altri ancora non conoscono nemmeno chi è il vasaio!
 
Per coloro che sono scesi dal banco del vasaio, vi invito a ritornare sul suo banco,affinchè siate trasformati secondo l'opera delle sue mani. 
Quelli che non sono mai saliti invece vi dico che senza la nuova nascita, senza un vero ravvedimento, non entrerete nel regno di Dio.(Giov 3:1,,)
 
Quelli che invece non conoscono il vasaio, vi esorto a leggere e a investigare le Scritture. Pentitevi  e ravvedetevi dai vostri peccati, riconoscete Gesù Cristo come Signore e Salvatore della vostra vita, abbandonate l'idolatria,  e gustate le meraviglie del Signore restando sul suo banco dove ogni giorno ci forma come vasi ad onore per la Sua gloria eterna.
Signore aiutaci a rimanere sempre sul Tuo banco. 
 
Vincenzo Di Giuseppe
 
 
 
 

Video contro il rapimento segreto

Video contro il rapimento segreto

Come avverrà il ritorno di Gesù Cristo?

Nella stessa maniera in cui egli se n'è andato in cielo .

E' scritto infatti nel libro degli Atti degli apostoli: "E dette queste cose, mentr'essi guardavano, fu elevato; e una nuvola, accogliendolo, lo tolse d'innanzi agli occhi loro. E come essi aveano gli occhi fissi in cielo, mentr'egli se ne andava, ecco che due uomini in vesti bianche si presentarono loro e dissero: Uomini Galilei, perché state a guardare verso il cielo? Questo Gesù che è stato tolto da voi ed assunto in cielo, verrà nella medesima maniera che l'avete veduto andare in cielo" (Atti 1:9-11). Quindi come Gesù fu visto andare in cielo da coloro che furono presenti alla sua ascensione, così, al suo ritorno, sarà visto tornare dal cielo, ma questa volta non sarà visto solo da un piccolo numero di persone come alla sua ascensione ma da tutti, secondo che è scritto: "Ecco, egli viene colle nuvole; ed ogni occhio lo vedrà: lo vedranno anche quelli che lo trafissero, e tutte le tribù della terra faranno cordoglio per lui. Sì, Amen" (Ap. 1:7).

Sulle nuvole, con gloria e con potenza .

In Matteo infatti a riguardo del ritorno di Cristo é scritto: "E allora apparirà nel cielo il segno del Figliuol dell'uomo; ed allora tutte le tribù della terra faranno cordoglio, e vedranno il Figliuol dell'uomo venir sulle nuvole del cielo con gran potenza e gloria" (Matt. 24:30). Il profeta Daniele centinaia di anni prima aveva detto: "Io guardavo, nelle visioni notturne, ed ecco venire sulle nuvole del cielo uno simile a un figliuol d'uomo; egli giunse fino al vegliardo, e fu fatto accostare a lui. E gli furon dati dominio, gloria e regno, perché tutti i popoli, tutte le nazioni e lingue lo servissero; il suo dominio è un dominio eterno che non passerà, e il suo regno, un regno che non sarà distrutto" (Dan. 7:13-14).

 

 

 

Che cosa avverrà al ritorno di Gesù Cristo?

La resurrezione dei morti in Cristo e il mutamento di coloro che saranno trovati viventi.

A proposito della resurrezione dei credenti Paolo dice ai santi di Corinto che "in Cristo saran tutti vivificati; ma ciascuno nel suo proprio ordine; Cristo, la primizia; poi quelli che son di Cristo, alla sua venuta" (1 Cor. 15:22-23), ed ai santi di Tessalonica: "Il Signore stesso, con potente grido, con voce d'arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e i morti in Cristo risusciteranno i primi…" (1 Tess. 4:16). Tra i morti in Cristo che risorgeranno ci saranno anche le anime di coloro che sono stati decollati (decapitati) per la testimonianza di Gesù e per la parola di Dio e di quelli che non hanno adorata la bestia né la sua immagine e non hanno preso il marchio sulla loro fronte e sulla loro mano (cfr. Ap. 20:4).

A proposito invece del mutamento dei viventi sempre Paolo dice ai Tessalonicesi: "… poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo insiem con loro rapiti sulle nuvole, a incontrare il Signore nell'aria; e così saremo sempre col Signore" (1 Tess. 4:17).

Quindi, come dice sempre Paolo, "non tutti morremo, ma tutti saremo mutati" (1 Cor. 15:52), in un momento, in un batter d'occhio, al suon della tromba che suonerà il Signore Gesù Cristo. In quel giorno Gesù Cristo "trasformerà il corpo della nostra umiliazione rendendolo conforme al corpo della sua gloria, in virtù della potenza per la quale egli può anche sottoporsi ogni cosa" (Fil. 3:21), in quel giorno noi saremo sopravvestiti della nostra abitazione che è celeste, e ciò che è mortale sarà assorbito dalla vita (cfr. 2 Cor. 5:2,4). E' un grande giorno quindi quello del ritorno di Gesù Cristo perché in esso coloro che sono morti in Cristo e coloro che saranno trovati viventi otterranno la redenzione del loro corpo (cfr. Rom. 8:23), o come è anche chiamata la piena redenzione (cfr. Ef. 1:14) che i santi di tutti i secoli hanno aspettato con fede e pazienza.

La distruzione di coloro che non conoscono Dio e non ubbidiscono al Vangelo .

Paolo dice infatti ai santi di Tessalonica: "… il Signor Gesù apparirà dal cielo con gli angeli della sua potenza, in un fuoco fiammeggiante, per far vendetta di coloro che non conoscono Iddio, e di coloro che non ubbidiscono al Vangelo del nostro Signor Gesù. I quali saranno puniti di eterna distruzione, respinti dalla presenza del Signore e dalla gloria della sua potenza, quando verrà per essere in quel giorno glorificato nei suoi santi e ammirato in tutti quelli che hanno creduto, e in voi pure, poiché avete creduto alla nostra testimonianza dinanzi a voi" (2 Tess. 1:7-10).

Tra coloro che saranno puniti ci saranno anche tutti quei credenti che al ritorno di Cristo non saranno trovati pronti. Gesù infatti spiegò in svariate maniere che coloro che non saranno trovati pronti al suo ritorno saranno da lui puniti. In una parabola egli disse per esempio: "Qual è mai il servitore fedele e prudente che il padrone abbia costituito sui domestici per dar loro il vitto a suo tempo? Beato quel servitore che il padrone, arrivando, troverà così occupato! Io vi dico in verità che lo costituirà su tutti i suoi beni. Ma, s'egli è un malvagio servitore che dica in cuor suo: Il mio padrone tarda a venire; e comincia a battere i suoi conservi, e a mangiare e bere con gli ubriaconi, il padrone di quel servitore verrà nel giorno che non se l'aspetta, e nell'ora che non sa; e lo farà lacerare a colpi di flagello, e gli assegnerà la sorte degl'ipocriti. Ivi sarà il pianto e lo stridor de' denti" (Matt. 24:45-51). Notate la fine che attende il servitore che il padrone ha costituito sui suoi domestici ma che in sua assenza si abbandona alla dissolutezza, prima egli verrà flagellato e poi gli sarà assegnata la sorte degli ipocriti che è una sorte terribile perché dove vengono gettati gli ipocriti c'è il pianto e lo stridore dei denti. In un'altra parabola Gesù disse che in quel giorno avverrà "come di un uomo il quale, partendo per un viaggio, chiamò i suoi servitori e affidò loro i suoi beni; e all'uno diede cinque talenti, a un altro due, e a un altro uno; a ciascuno secondo la sua capacità; e partì. Subito, colui che avea ricevuto i cinque talenti andò a farli fruttare, e ne guadagnò altri cinque. Parimente, quello de' due ne guadagnò altri due. Ma colui che ne avea ricevuto uno, andò e, fatta una buca in terra, vi nascose il danaro del suo padrone. Or dopo molto tempo, ecco il padrone di que' servitori a fare i conti con loro. E colui che avea ricevuto i cinque talenti, venne e presentò altri cinque talenti, dicendo: Signore, tu m'affidasti cinque talenti; ecco, ne ho guadagnati altri cinque. E il suo padrone gli disse: Va bene, buono e fedel servitore; sei stato fedele in poca cosa, ti costituirò sopra molte cose; entra nella gioia del tuo Signore. Poi, presentatosi anche quello de' due talenti, disse: Signore, tu m'affidasti due talenti; ecco, ne ho guadagnati altri due. Il suo padrone gli disse: Va bene, buono e fedel servitore; sei stato fedele in poca cosa, ti costituirò sopra molte cose; entra nella gioia del tuo Signore. Poi, accostatosi anche quello che avea ricevuto un talento solo, disse: Signore, io sapevo che tu sei uomo duro, che mieti dove non hai seminato, e raccogli dove non hai sparso; ebbi paura, e andai a nascondere il tuo talento sotterra; eccoti il tuo. E il suo padrone, rispondendo, gli disse: Servo malvagio ed infingardo, tu sapevi ch'io mieto dove non ho seminato e raccolgo dove non ho sparso; dovevi dunque portare il mio danaro dai banchieri; e al mio ritorno, avrei ritirato il mio con interesse. Toglietegli dunque il talento, e datelo a colui che ha i dieci talenti. Poiché a chiunque ha sarà dato, ed egli sovrabbonderà; ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. E quel servitore disutile, gettatelo nelle tenebre di fuori. Ivi sarà il pianto e lo stridor dei denti" (Matt. 25:14-30). Anche in questo caso notate la fine terribile che farà il servitore disutile che non ha ubbidito all'ordine del suo padrone, sarà gettato nelle tenebre dove ci sarà il pianto e lo stridore dei denti.

La distruzione dell'uomo del peccato .

Paolo infatti dice sempre ai Tessalonicesi che quel giorno non verrà se prima non sia venuta l'apostasia e non sia stato manifestato l'uomo del peccato, il figliuol della perdizione, la cui venuta "avrà luogo, per l'azione efficace di Satana, con ogni sorta di opere potenti, di segni e di prodigî bugiardi; e con ogni sorta d'inganno d'iniquità a danno di quelli che periscono perché non hanno aperto il cuore all'amor della verità per esser salvati" (2 Tess. 2:9-10). Il Signore Gesù distruggerà quell'empio "col soffio della sua bocca, e annienterà con l'apparizione della sua venuta" (2 Tess. 2:8).

Che il Signore Gesù quando tornerà dal cielo guerreggerà contro i suoi nemici è confermato da Giovanni nel libro dell'Apocalisse quando dice: "Poi vidi il cielo aperto, ed ecco un cavallo bianco; e colui che lo cavalcava si chiama il Fedele e il Verace; ed egli giudica e guerreggia con giustizia. E i suoi occhi erano una fiamma di fuoco, e sul suo capo v'eran molti diademi; e portava scritto un nome che nessuno conosce fuorché lui. Era vestito d'una veste tinta di sangue, e il suo nome è: la Parola di Dio. Gli eserciti che sono nel cielo lo seguivano sopra cavalli bianchi, ed eran vestiti di lino fino bianco e puro. E dalla bocca gli usciva una spada affilata per percuoter con essa le nazioni; ed egli le reggerà con una verga di ferro, e calcherà il tino del vino dell'ardente ira dell'Onnipotente Iddio. E sulla veste e sulla coscia porta scritto questo nome: RE DEI RE, SIGNOR DEI SIGNORI. Poi vidi un angelo che stava in piè nel sole, ed egli gridò con gran voce, dicendo a tutti gli uccelli che volano in mezzo al cielo: Venite, adunatevi per il gran convito di Dio, per mangiar carni di re e carni di capitani e carni di prodi e carni di cavalli e di cavalieri, e carni d'ogni sorta d'uomini, liberi e schiavi, piccoli e grandi. E vidi la bestia e i re della terra e i loro eserciti radunati per muover guerra a colui che cavalcava il cavallo e all'esercito suo. E la bestia fu presa, e con lei fu preso il falso profeta che avea fatto i miracoli davanti a lei, coi quali aveva sedotto quelli che aveano preso il marchio della bestia e quelli che adoravano la sua immagine. Ambedue furon gettati vivi nello stagno ardente di fuoco e di zolfo. E il rimanente fu ucciso con la spada che usciva dalla bocca di colui che cavalcava il cavallo; e tutti gli uccelli si satollarono delle loro carni" (Ap. 19:11-21). Ci sarà dunque una vera carneficina al ritorno glorioso di Gesù operata da Cristo Gesù stesso.

L'instaurazione del regno millenario sulla terra .

Giovanni dice infatti a proposito di coloro che parteciperanno alla prima resurrezione (che è quella dei morti in Cristo): "Beato e santo è colui che partecipa alla prima risurrezione. Su loro non ha potestà la morte seconda, ma saranno sacerdoti di Dio e di Cristo e regneranno con lui quei mille anni" (Ap. 20:6). Dunque Cristo e i suoi santi regneranno sulla terra per un periodo di mille anni. Questi mille anni sulla terra saranno caratterizzati dalla pace e dalla giustizia e questo perché il diavolo sarà rinchiuso nell'abisso secondo che è scritto: "Poi vidi un angelo che scendeva dal cielo e avea la chiave dell'abisso e una gran catena in mano. Ed egli afferrò il dragone, il serpente antico, che è il Diavolo e Satana, e lo legò per mille anni, lo gettò nell'abisso che chiuse e suggellò sopra di lui onde non seducesse più le nazioni finché fossero compiti i mille anni; dopo di che egli ha da essere sciolto per un po' di tempo" (Ap. 20:1-3).

Quando avverrà il ritorno di Gesù Cristo?

A suo tempo, cioè al tempo fissato da Dio, perché Paolo dice che la sua apparizione "sarà manifestata a suo tempo" (1 Tim. 6:15). Come dunque la prima venuta di Gesù avvenne a suo tempo secondo che è scritto: "Perché, mentre eravamo ancora senza forza, Cristo, a suo tempo, è morto per gli empî" (Rom. 5:6), similmente sarà per la sua seconda venuta. Questo tempo nessuno lo sa perché come disse Gesù mentre era sulla terra: "Ma quant'è a quel giorno ed a quell'ora nessuno li sa, neppure gli angeli dei cieli, neppure il Figliuolo, ma il Padre solo" (Matt. 24:36). Gesù disse ai suoi discepoli di vegliare e di pregare proprio perché non sapevano né il giorno e né l'ora del suo ritorno (cfr. Matt. 24:44; 25:13). L'apostolo Paolo sui tempi del ritorno di Cristo disse ai santi di Tessalonica: "Or quanto ai tempi ed ai momenti, fratelli, non avete bisogno che vi se ne scriva; perché voi stessi sapete molto bene che il giorno del Signore verrà come viene un ladro nella notte. Quando diranno: Pace e sicurezza, allora di subito una improvvisa ruina verrà loro addosso, come le doglie alla donna incinta; e non scamperanno affatto" (1 Tess. 5:1-3). Naturalmente il giorno del Signore verrà come un ladro per coloro che sono nelle tenebre e non per coloro che sono nella luce cioè i figliuoli di Dio che camminano nella luce, e questo perché i figliuoli della luce aspettano il Signore, mentre quelli che sono della notte non l'aspettano. Paolo questo lo spiega subito dopo dicendo: "Ma voi, fratelli, non siete nelle tenebre, sì che quel giorno abbia a cogliervi a guisa di ladro; poiché voi tutti siete figliuoli di luce e figliuoli del giorno; noi non siamo della notte né delle tenebre; non dormiamo dunque come gli altri, ma vegliamo e siamo sobrî" (1 Tess. 5:4-6). E' ovvio però che se un figliuolo della luce smette di camminare nella luce e si mette a camminare nelle tenebre quel giorno lo coglierà anche a lui come un ladro e allora non scamperà affatto alla punizione di cui dicevamo prima. Non ha forse detto Gesù ai suoi discepoli: "Badate a voi stessi, che talora i vostri cuori non siano aggravati da crapula, da ubriachezza e dalle ansiose sollecitudini di questa vita, e che quel giorno non vi venga addosso all'improvviso come un laccio; perché verrà sopra tutti quelli che abitano sulla faccia di tutta la terra" (Luca 21:34-35)?

Da ciò che abbiamo detto è evidente dunque che chiunque fa calcoli per stabilire i tempi del ritorno di Cristo fa qualcosa che non è secondo la volontà di Dio. La volontà di Dio è che noi ci prepariamo alla venuta di Cristo al fine di non ritrarci da lui coperti di vergogna, ma non che facciamo calcoli per stabilire anche approssimativamente quando egli tornerà. Ci basta sapere che la venuta del Signore è vicina (Giac. 5:8), che "ancora un brevissimo tempo, e colui che ha da venire verrà e non tarderà" (Ebr. 10:37), che molte delle cose che Gesù disse precederanno la sua venuta si sono adempiute e si stanno adempiendo anche in questa generazione, e che quel giorno non verrà se prima non sia venuta l'apostasia e non sia stato manifestato l'uomo del peccato. Quando poi egli tornerà non sta a noi di saperlo perché come disse Gesù ai suoi discepoli che gli avevano domandato se era in quel tempo che lui avrebbe ristabilito il regno ad Israele: "Non sta a voi di sapere i tempi o i momenti che il Padre ha riserbato alla sua propria autorità" (Atti 1:7). Purtroppo però c'è sempre qualcuno in seno alla fratellanza che non curante di quello che dice la Scrittura si diletta nel volere stabilire tempi e momenti del ritorno di Cristo. Vi esorto a guardarvi da chiunque agisca in questa maniera, non importa se è un uomo o una donna, una persona eloquente o meno, un pastore o una pecora, qualcuno che conosca o che non conosca le Scritture; sappiate che egli con i suoi discorsi mette turbamento nel cuore di coloro che gli danno retta e ciò è segno che i suoi discorsi non sono da Dio. Lo ripeto fratelli, guardatevi da tutti coloro che - non importa come - sono arrivati a stabilire la data del ritorno di Cristo; le loro sono ciance profane che a suo tempo si manifesteranno come tali, a loro confusione e di quelli che gli danno retta.

Cosa accadrà dopo il ritorno di Cristo?

- Il regno millenario e lo scioglimento del diavolo al suo termine.

Come detto innanzi, quando Cristo tornerà inizierà un regno di mille anni sulla terra, regno di pace e di giustizia, perché il diavolo si troverà rinchiuso nell'abisso per tutto questo tempo. Alla fine di questo tempo però il diavolo sarà sciolto dalla sua prigione e sedurrà le nazioni. Ecco come Giovanni descrive questi ultimi eventi: "E quando i mille anni saranno compiti, Satana sarà sciolto dalla sua prigione e uscirà per sedurre le nazioni che sono ai quattro canti della terra, Gog e Magog, per adunarle per la battaglia: il loro numero è come la rena del mare. E salirono sulla distesa della terra e attorniarono il campo dei santi e la città diletta; ma dal cielo discese del fuoco e le divorò. E il diavolo che le avea sedotte fu gettato nello stagno di fuoco e di zolfo, dove sono anche la bestia e il falso profeta; e saran tormentati giorno e notte, nei secoli dei secoli" (Ap. 20:7-10). Dunque dopo il millennio tutti coloro che rimarranno sedotti dal diavolo si scaglieranno contro i santi che saranno sulla terra, ma Dio li punirà con il fuoco dal cielo, un po' come fece con Sodoma e Gomorra. Ed anche il diavolo sarà punito, egli sarà gettato nel fuoco eterno per esservi tormentato per l'eternità come giustamente merita. Dunque sia il seduttore che i sedotti saranno puniti.

La distruzione di questi cieli e di questa terra .

Giovanni dice infatti che dopo che il diavolo fu gettato nel fuoco eterno vide un grande trono bianco e Colui che vi sedeva sopra, "dalla cui presenza fuggiron terra e cielo; e non fu più trovato posto per loro" (Ap. 20:11). Al posto di essi Dio ne creerà di nuovi (cfr. Ap. 21:1).

La resurrezione degli empi e il loro giudizio .

Questa è la seconda resurrezione, cioè quella di coloro che hanno operato male (cfr. Giov. 5:29), che risorgeranno in risurrezione di giudizio per essere giudicati secondo le loro opere e condannati al fuoco eterno. Giovanni in visione la vide e la descrisse così: "E vidi i morti, grandi e piccoli, che stavan ritti davanti al trono; ed i libri furono aperti; e un altro libro fu aperto, che è il libro della vita; e i morti furon giudicati dalle cose scritte nei libri, secondo le opere loro. E il mare rese i morti ch'erano in esso; e la morte e l'Ades resero i loro morti, ed essi furon giudicati, ciascuno secondo le sue opere. E la morte e l'Ades furon gettati nello stagno di fuoco. Questa è la morte seconda, cioè, lo stagno di fuoco. E se qualcuno non fu trovato scritto nel libro della vita, fu gettato nello stagno di fuoco" (Ap. 20:12-15).

La discesa della Nuova Gerusalemme sulla nuova terra in cui regneranno in eterno i santi .

Ecco come Giovanni descrive la discesa della Nuova Gerusalemme e la città stessa: "Poi vidi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il primo cielo e la prima terra erano passati, e il mare non era più. E vidi la santa città, la nuova Gerusalemme, scender giù dal cielo d'appresso a Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. E udii una gran voce dal trono, che diceva: Ecco il tabernacolo di Dio con gli uomini; ed Egli abiterà con loro, ed essi saranno suoi popoli, e Dio stesso sarà con loro e sarà loro Dio; e asciugherà ogni lagrima dagli occhi loro e la morte non sarà più; né ci saran più cordoglio, né grido, né dolore, poiché le cose di prima sono passate (…) E venne uno dei sette angeli che aveano le sette coppe piene delle sette ultime piaghe; e parlò meco, dicendo: Vieni e ti mostrerò la sposa, la moglie dell'Agnello. E mi trasportò in ispirito su di una grande ed alta montagna, e mi mostrò la santa città, Gerusalemme, che scendeva dal cielo d'appresso a Dio, avendo la gloria di Dio. Il suo luminare era simile a una pietra preziosissima, a guisa d'una pietra di diaspro cristallino. Avea un muro grande ed alto; avea dodici porte, e alle porte dodici angeli, e sulle porte erano scritti dei nomi, che sono quelli delle dodici tribù dei figliuoli d'Israele. A oriente c'eran tre porte; a settentrione tre porte; a mezzogiorno tre porte, e ad occidente tre porte. E il muro della città avea dodici fondamenti, e su quelli stavano i dodici nomi dei dodici apostoli dell'Agnello. E colui che parlava meco aveva una misura, una canna d'oro, per misurare la città, le sue porte e il suo muro. E la città era quadrangolare, e la sua lunghezza era uguale alla larghezza; egli misurò la città con la canna, ed era dodicimila stadi; la sua lunghezza, la sua larghezza e la sua altezza erano uguali. Ne misurò anche il muro, ed era di centoquarantaquattro cubiti, a misura d'uomo, cioè d'angelo. Il muro era costruito di diaspro e la città era d'oro puro, simile a vetro puro. I fondamenti del muro della città erano adorni d'ogni maniera di pietre preziose. Il primo fondamento era di diaspro; il secondo di zaffiro; il terzo di calcedonio; il quarto di smeraldo; il quinto di sardonico; il sesto di sardio; il settimo di crisolito; l'ottavo di berillo; il nono di topazio; il decimo di crisopazio; l'undecimo di giacinto; il dodicesimo di ametista. E le dodici porte eran dodici perle, e ognuna delle porte era fatta d'una perla; e la piazza della città era d'oro puro, simile a vetro trasparente. E non vidi in essa alcun tempio, perché il Signore Iddio, l'Onnipotente, e l'Agnello sono il suo tempio. E la città non ha bisogno di sole, né di luna che risplendano in lei, perché la illumina la gloria di Dio, e l'Agnello è il suo luminare. E le nazioni cammineranno alla sua luce; e i re della terra vi porteranno la loro gloria. E le sue porte non saranno mai chiuse di giorno (la notte quivi non sarà più); e in lei si porterà la gloria e l'onore delle nazioni. E niente d'immondo e nessuno che commetta abominazione o falsità, v'entreranno; ma quelli soltanto che sono scritti nel libro della vita dell'Agnello. Poi mi mostrò il fiume dell'acqua della vita, limpido come cristallo, che procedeva dal trono di Dio e dell'Agnello. In mezzo alla piazza della città e d'ambo i lati del fiume stava l'albero della vita, che dà dodici raccolti, e porta il suo frutto ogni mese; e le foglie dell'albero sono per la guarigione delle nazioni. E non ci sarà più alcuna cosa maledetta; e in essa sarà il trono di Dio e dell'Agnello; i suoi servitori gli serviranno, ed essi vedranno la sua faccia e avranno in fronte il suo nome. E non ci sarà più notte; ed essi non avranno bisogno di luce di lampada, né di luce di sole, perché li illuminerà il Signore Iddio, ed essi regneranno nei secoli dei secoli" (Ap. 21:1-4,9-27; 22:1-5).

Conclusione

Ecco dunque fratelli qual è la speranza dei santi, quella di risorgere o di essere mutati al ritorno di Cristo dal cielo, regnare con lui per i successivi mille anni sulla terra, e vivere per l'eternità con il proprio corpo immortale, incorruttibile e glorioso nella Nuova Gerusalemme sopra una nuova terra. Chi ha questa speranza in Cristo si rallegri e glorifichi Dio, e si purifichi come Gesù Cristo è puro; chi invece ancora non ha questa speranza si penta dei suoi peccati e creda in Gesù Cristo, cioè che Gesù è morto per i nostri peccati e risuscitato il terzo giorno per la nostra giustificazione e allora avrà anche lui questa gloriosa speranza in lui che lo accompagnerà per il resto della sua vita. A Cristo Gesù, Colui che era, che è e che viene, sia la gloria ora e in eterno. Amen.

Butindaro Giacinto


 



 


 

Accostati a Dio con piena fiducia

Accostati a Dio con piena fiducia

Ricordati che quando ti accosti a Dio ti accosti al Creatore di tutte le cose; Colui che abita l’eternità; Colui che riempie il cielo e la terra; Colui davanti al quale le nazioni sono come una gocciola della secchia, come la polvere minuta delle bilance e le isole come pulviscolo che vola; Colui che sa ogni cosa e può fare ogni cosa; l’Iddio grande e tremendo. TemiLo e trema davanti a Lui, ma accostati a Lui con piena fiducia perchè Gesù Cristo, il Suo Figliuolo, è alla Sua destra dove intercede per noi. A Dio sia la gloria in Cristo ora e in eterno. Amen.

 

Giacinto Butindaro

 

 

Si è fatto uomo e povero per amore nostro

Si è fatto uomo e povero per amore nostro

Si è fatto uomo e povero per amore nostro

 

Il Figlio di Dio, coeterno con Dio Padre, nella pienezza dei tempi è disceso dal cielo diventando simile agli uomini per amore nostro, “affinché, mediante la morte, distruggesse colui che avea l’impero della morte, cioè il diavolo, e liberasse tutti quelli che per il timor della morte erano per tutta la vita soggetti a schiavitù” (Ebrei 2:14). Noi quindi, grazie alla Sua morte, non siamo più sotto la potestà del diavolo e neppure schiavi del peccato, e di conseguenza non abbiamo più paura della morte sapendo che quando ci dipartiremo da questo corpo andremo ad abitare con il Signore in cielo in quanto abbiamo la fede in Cristo e siamo stati fatti eredi del Regno dei cieli.
Ma è bene ricordare che il Figlio di Dio nei giorni della sua carne era povero e non ricco materialmente, ed anche questo suo farsi povero fu una manifestazione di amore verso di noi, secondo che è scritto: “…. essendo ricco, s’è fatto povero per amor vostro, onde, mediante la sua povertà, voi poteste diventar ricchi” (2 Corinzi 8:9). Già, proprio così, Egli si fece povero affinchè noi diventassimo ricchi in fede ed eredi del Regno di Dio.
Rendiamo perciò grazie a Colui che è disceso dal cielo per dare la Sua vita per noi, cioè a Cristo Gesù.

 

Giacinto Butindaro

 

 

Poiché uno diventa schiavo di ciò che l'ha vinto...(2Pietro 2:19)

Poiché uno diventa schiavo di ciò che l'ha vinto...(2Pietro 2:19)

 

Poiché l'amor del danaro è radice d'ogni sorta di mali; e alcuni che vi si sono dati, si sono sviati dalla fede e si son trafitti di molti dolori.  Ma tu, o uomo di Dio, fuggi queste cose, e procaccia giustizia, pietà, fede, amore, costanza, dolcezza. (1Tim.6:10) 

Ecco cosa dice l' apostolo Pietro ; " Giacché uno diventa schiavo di ciò che l'ha vinto".(2Pietro 2:19)

Dunque fratelli non diventiamo schiavi di nulla, ciò significherebbe essere vinti e dominati. Ma rimaniamo sempre e solo schiavi di Cristo affinchè diveniamo liberi nel Suo nome.

 

 

Vincenzo Di Giuseppe

 

 

 

 

 

 


 

Il Signore è degno di gloria e di onore. 

E tutti i giorni, essendo di pari consentimento assidui al tempio, e rompendo il pane nelle case, prendevano il loro cibo assieme con letizia e semplicità di cuore,  lodando Iddio, e avendo il favore di tutto il popolo. E il Signore aggiungeva ogni giorno alla loro comunità quelli che erano sulla via della salvazione.(Atti 2:46)

Dio vi benedica fratelli

 

 

A Dio sia la gloria

 

Se abbiamo costanza nella prova, con lui altresì regneremo

Se abbiamo costanza nella prova, con lui altresì regneremo

 

“Se abbiamo costanza nella prova, con lui altresì regneremo” (2 Tim. 2:12).

Fratelli, dobbiamo essere pazienti nell’afflizione; dobbiamo essere costanti in mezzo alle svariate prove con le quali Dio prova la nostra fede.

Il Signor Gesù rivolse queste parole all’angelo della Chiesa di Smirne: “Non temere quel che avrai da soffrire; ecco, il diavolo sta per cacciare alcuni di voi in prigione, perchè siate provati; e avrete una tribolazione di dieci giorni. Sii fedele fino alla morte, ed io ti darò la corona della vita” (Ap. 2:10).

Fratelli, non temete quel che dovete soffrire a motivo del nome del Signore; sappiate che a noi ci è stato dato “anche di soffrire per lui” (Fil. 1:29), ma noi siamo pieni di fiducia e siamo persuasi (come disse Paolo), “che le sofferenze del tempo presente non siano punto da paragonare con la gloria che ha da essere manifestata a nostro riguardo” (Rom. 8:18).

In mezzo alle tribolazioni noi non veniamo meno nell’animo, sapendo di avere il Signore a nostro fianco che ci sostiene in mezzo ad esse e poi che dire? Non è forse vero che Egli ci consola in ogni nostra afflizione? Certo è così, e quand’anche venissero a mancare dei consolatori Lui continuerà a consolarci. Abbiamo un Signore, che quando era sulla terra soffrì anch’egli; egli sa bene cosa significhi soffrire, piangere, essere contristati, perchè pure lui sperimentò queste cose ed è per questo motivo che egli può comprenderci appieno e venirci in aiuto.

Ah!… quante volte egli ci ha soccorso con le sue potenti consolazioni! È cosa grata a Dio che noi soffriamo facendo il bene, ma dobbiamo imparare a soffrire pazientemente e a non impazientirci nella sofferenza. Per mezzo delle sofferenze che noi patiamo a motivo di giustizia, Dio ci perfeziona e ci rende pazienti, perchè “l’afflizione produce pazienza” (Rom. 5:3) e siccome che noi tutti abbiamo bisogno di pazienza, Dio ci prova “nel crogiolo dell’afflizione” (Is. 48:10).

Fratelli, considerate quello che il Signore riserba a quelli che sono perseguitati a cagione di giustizia e allora capirete quanto valga la pena soffrire con pazienza in mezzo alla prova; Gesù disse: “Beati i perseguitati per cagione di giustizia, perchè di loro è il regno dei cieli” (Matt. 5:10) e noi abbiamo piena fiducia in queste parole. Dio ci ha “chiamati alla sua eterna gloria in Cristo” (1 Piet. 5:10), considerate quindi quale gloriosa ricchezza Dio ha preparato per noi; Egli ci ha preparato un regno eterno, che non passerà sotto la dominazione di nessun regno, un regno che non è di questo mondo; ma prima di entrare nel suo Regno dobbiamo soffrire infatti gli apostoli dissero “che dobbiamo entrare nel Regno di Dio attraverso molte tribolazioni” (Atti 14:22) ed è giusto che sia così perchè pure Gesù soffrì molte cose prima di entrare nella sua gloria e noi come suoi discepoli dobbiamo seguire le sue orme che, noi sappiamo, conducono nel paradiso di Dio dove non ci sarà più dolore.

Siate forti fratelli, coraggio, non manca molto, perchè è scritto: “Ancora un brevissimo tempo, e colui che ha da venire verrà e non tarderà” (Ebr. 10:37; Hab. 2:3), non vi perdete d’animo, la nostra redenzione è vicina. Il Re di gloria tornerà dal cielo; dal cielo che lo ha accolto (e nel quale regna alla destra di Dio) e noi aspettiamo la sua apparizione; non saremo delusi, ci rallegreremo nel contemplare la sua bellezza, lo celebreremo ancora per la sua fedeltà e con lui regneremo…se soffriamo con costanza. A lui sia la gloria in eterno. Amen.

Giacinto Butindaro

 

 

Mi mancano le parole per iniziare a scrivervi, ma come Cristiano nato di nuovo in Gesù Cristo posso comprendere quello che state attraversando. Queste poche righe non riescono a nascondere il dispiacere e la tristezza che provo nel mio cuore quando so che tanti lottano per sopravvivere. Non voglio essere in questo caso il sapientone del momento che sappia trovare le risposte umane che non portano a nulla per chi si trova in questa situazione di malattia terminale. Ma come Cristiano pentecostale, figlio di Dio, posso esprimervi quello che il Signore mette nel mio cuore dicendovi di rivolgervi a Lui, affinché chiediate perdono per i vostri peccati e credete in Gesù Cristo come unico mediatore tra Dio e l' uomo. In queste circostanze di malattie molti vi propongono figure idolatre e visite in vari santuari per farvi trovare una falsa serenità o il miracolo. Io vorrei che voi possiate seguire la mia esortazione, rivolgetevi personalmente a Dio in preghiera ovunque vi trovate, anche in questo momento, e leggete la Parola di Dio la "Bibbia" affinché Dio vi apra il cuore per farvi comprendere il piano di salvezza che Egli ha predestinato per l' uomo mediante la morte di Gesù Cristo sulla croce risuscitandolo dai morti, affinché nel suo sangue vi sia perdono e purificazione. Non trascurate queste parole, poiché si tratta di vita Eterna per coloro che si ravvedono e chiedono perdono, ma di fuoco eterno invece per coloro che rigettano il messaggio di salvezza di Gesù Cristo.
 
Concludo citandovi dei versi del Vangelo in (Giovanni 14) rivolto ai credenti ma anche a voi in questo momento.
 
Il vostro cuore non sia turbato; abbiate fede in Dio, e abbiate fede anche in me! Nella casa del Padre mio ci son molte dimore; se no, ve l'avrei detto; io vo a prepararvi un luogo; e quando sarò andato e v'avrò preparato un luogo, tornerò, e v'accoglierò presso di me, affinché dove son io, siate anche voi; e del dove io vo sapete anche la via. Toma gli disse: Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo saper la via?  Gesù gli disse: Io son la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se m'aveste conosciuto, avreste conosciuto anche mio Padre; e fin da ora lo conoscete, e l'avete veduto. Filippo gli disse: Signore, mostraci il Padre, e ci basta. Gesù gli disse: Da tanto tempo sono con voi e tu non m'hai conosciuto, Filippo? Chi ha veduto me, ha veduto il Padre; come mai dici tu: Mostraci il Padre?  Non credi tu ch'io sono nel Padre e che il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico di mio; ma il Padre che dimora in me, fa le opere sue. Credetemi che io sono nel Padre e che il Padre è in me; se no, credete a cagion di quelle opere stesse. In verità, in verità vi dico che chi crede in me farà anch'egli le opere che fo io; e ne farà di maggiori, perché io me ne vo al Padre; e quel che chiederete nel mio nome, lo farò; affinché il Padre sia glorificato nel Figliuolo. Se chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò. Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti. E io pregherò il Padre, ed Egli vi darà un altro Consolatore, perché stia con voi in perpetuo, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere, perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete, perché dimora con voi, e sarà in voi. Non vi lascerò orfani; tornerò a voi. Ancora un po', e il mondo non mi vedrà più; ma voi mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno conoscerete che io sono nel Padre mio, e voi in me ed io in voi. Chi ha i miei comandamenti e li osserva, quello mi ama; e chi mi ama sarà amato dal Padre mio, e io l'amerò e mi manifesterò a lui. Giuda (non l'Iscariota) gli domandò: Signore, come mai ti manifesterai a noi e non al mondo?  Gesù rispose e gli disse: Se uno mi ama, osserverà la mia parola; e il Padre mio l'amerà, e noi verremo a lui e faremo dimora presso di lui. Chi non mi ama non osserva le mie parole; e la parola che voi udite non è mia, ma è del Padre che mi ha mandato. Queste cose v'ho detto, stando ancora con voi; ma il Consolatore, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, egli v'insegnerà ogni cosa e vi rammenterà tutto quello che v'ho detto. Io vi lascio pace; vi do la mia pace. Io non vi do come il mondo dà. Il vostro cuore non sia turbato e non si sgomenti. 
 
Abbiate fede in Dio affinchè Lui possa guarirvi.
 
Vincenzo Di Giuseppe

Cittadini del cielo

Cittadini del cielo

Siamo pellegrini e forestieri in questo mondo di tenebre, perchè la nostra cittadinanza è nei cieli. Là infatti siamo diretti per la grazia di Dio, perchè siamo tra quei pochi ai quali Dio ha fatto trovare la via che mena alla vita. Là non ci saranno più fatiche, nè lacrime e nè dolori, perchè ci riposeremo dalle nostre fatiche e ci rallegreremo nel cospetto di Dio e del Suo Figliuolo Gesù Cristo. Continuiamo quindi a camminare su questa via fino alla fine per poter entrare nel Suo riposo. A Dio che ci ha chiamati alla Sua eterna gloria in Cristo sia la gloria ora e in eterno. Amen

 

Giacinto Butindaro


 

Dio vi ama, fratelli

Dio vi ama, fratelli

Mi rivolgo a voi fratelli nel Signore, a voi che amate il Signore Gesù Cristo: sappiate che Dio Padre vi ama, perchè Gesù ha detto: “Chi ha i miei comandamenti e li osserva, quello mi ama; e chi mi ama sarà amato dal Padre mio, e io l’amerò e mi manifesterò a lui. …. Se uno mi ama, osserverà la mia parola; e il Padre mio l’amerà, e noi verremo a lui e faremo dimora presso di lui” (Giovanni 14:21,23). Rallegratevi dunque nel sapere che Colui che siede sul trono ci ama, perchè se ci ama niente e nessuno ci potrà separare dal suo amore, secondo che dice Paolo: “Poiché io son persuaso che né morte, né vita, né angeli, né principati, né cose presenti, né cose future, né potestà, né altezza, né profondità, né alcun’altra creatura potranno separarci dall’amore di Dio, che è in Cristo Gesù, nostro Signore” (Romani 9:38-39).

 

A Dio che ci ama sia la gloria in Cristo ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro


 

Quanto ci ha amati Gesù!

Quanto ci ha amati Gesù!

Quanto ci ha amati Gesù!

 

Gesù Cristo, il Figlio di Dio, ha dato la Sua vita per noi affinché noi che eravamo morti nei nostri peccati fossimo vivificati; Lui il giusto soffrì per noi che eravamo ingiusti per condurci a Dio; Lui che abitava l’eternità assieme al Padre è disceso sulla terra diventando simile agli uomini per morire sulla croce (e poi risuscitare il terzo giorno) per noi che siamo polvere e cenere affinché ricevessimo la vita eterna e vivessimo con Lui per sempre. Quanto ci ha amati Gesù! Preghiamo Dio affinché ci renda capaci “di abbracciare con tutti i santi qual sia la larghezza, la lunghezza, l’altezza e la profondità dell’amore di Cristo, e di conoscere questo amore che sorpassa ogni conoscenza” (Efesini 3:18-19).

 

A Dio sia la gloria in Cristo ora e in eterno. Amen.

Giacinto Butindaro

 


 

Siate sempre allegri..

(1Tess.5:16)

Questa allegria e prodotta in virtù della nostra comunione con Dio. Noi siamo allegri anche senza sorridere, perche questa allegrezza noi l' abbiamo nel cuore manifestandola anche ad altri mediante l' annuncio della Parola di Dio. Essere sempre allegri, significa avere uno sguardo fisso sul Signore, dipendere da Lui, servire soltanto il Signore per non essere trascinati dalla corrente di questo secolo malvagio, che spegne questa allegria portandoci alla tirannia delle cose materiali e non quelle Celesti.
 
La nostra allegria fratelli, è il risultato che ci stiamo adoperando per il campo di Dio, e non ci scoraggiamo per le avversità che incontreremo, ma riteniamo ferme le parole dellApostolo Paolo ai santi di Roma scrisse: siate allegri nella speranza, pazienti nell'afflizione, perseveranti nella preghiera; provvedete alle necessità dei santi, esercitate con premura l' ospitalità. Benedite quelli che vi perseguitano; benedite e non maledite. Rallegratevi con quelli che sono allegri; piangete con quelli che piangono. Abbiate fra voi un medesimo sentimento; non abbiate l' animo alle cose alte, ma lasciatevi attirare dalle umili".(Romani 12:12).
 
Dunque perseveriamo in queste Parole e non perdiamoci d' animo, ma siamo sempre allegri.
 
La grazia del Signor Gesù Cristo e l' amore di Dio e la comunione dello Spirito Santo siano con tutti voi.
 
Vincenzo Di Giuseppe
 

 

Grazie siano rese a Dio per averci salvati

Grazie siano rese a Dio per averci salvati

Grazie siano rese a Dio per averci salvati

 

Noi siamo stati salvati dalla schiavitù del peccato, dalle mani dell’avversario cioè Satana, dal presente secolo malvagio e dalle fiamme del fuoco che aspetta il peccatore sia dopo morto che alla resurrezione.
Questa salvezza, quindi, a giusta ragione è chiamata dalla Scrittura: “Una così grande salvezza” (Ebrei 2:3). Non è una cosa da poco, ma qualcosa di immenso valore che abbiamo ricevuto per la grazia di Dio, sì per la grazia di Dio, cioè gratuitamente perché non è stato in virtù di opere giuste che noi avessimo fatte che l’abbiamo ottenuta ma perché a Dio è piaciuto donarcela. Noi abbiamo dovuto solo accettarla per fede ed ora ringraziamo Dio per avercela data e ci studiamo di tenerla stretta fino alla fine dei nostri giorni per ottenere dal Signore la corona della vita che il Signore ha promesso a quelli che lo amano. Questa sì grande salvezza, come ci dice Pietro, “è stata l’oggetto delle ricerche e delle investigazioni dei profeti che profetizzarono della grazia a voi destinata. Essi indagavano qual fosse il tempo e quali le circostanze a cui lo Spirito di Cristo che era in loro accennava, quando anticipatamente testimoniava delle sofferenze di Cristo, e delle glorie che dovevano seguire. E fu loro rivelato che non per se stessi ma per voi ministravano quelle cose che ora vi sono state annunziate da coloro che vi hanno evangelizzato per mezzo dello Spirito Santo mandato dal cielo; nelle quali cose gli angeli desiderano riguardare bene addentro” (1 Pietro 1:10-12). Dunque essa fu preannunciata dagli antichi profeti i quali in svariate maniere dissero che il Cristo, il Figlio di Dio, un giorno sarebbe venuto in questo mondo per offrire se stesso per la nostra salvezza. Quei profeti si domandarono quando sarebbe accaduto tutto ciò, ma fu rivelato loro che quelle cose erano per un tempo avvenire e non per il loro tempo. E così quando giunse la pienezza dei tempi, Dio mandò in questo mondo il suo Unigenito Figliuolo il quale dopo avere vissuto una vita immacolata e senza colpa alcuna, fu crocifisso per i nostri peccati. Egli, il Giusto, soffrì per noi ingiusti, per riconciliarci con Dio: Lui che non aveva conosciuto peccato fu fatto da Dio peccato affinché noi diventassimo giustizia di Dio in lui. Lui che non aveva peccato in sé, si caricò di tutti i nostri peccati per affrancarci da essi. L’autore di questa grande salvezza quindi è Gesù Cristo, il Figlio di Dio. E’ in virtù del suo sacrificio sulla croce che noi oggi possiamo dire con assoluta certezza di essere stati salvati. Gloria al suo nome in eterno. Amen.
Vi spiego ora brevemente la nostra vita prima di essere salvati. Eravamo schiavi del peccato che era il nostro crudele padrone, che ci costringeva a servirlo e ci ripagava con la morte, l’infelicità e la paura. Il peccato era veramente più forte di noi, ci piaceva peccare, prendevamo piacere in esso. Il peccato è la trasgressione della legge, e a noi piaceva trasgredire la legge di Dio. Ma un giorno noi, credendo in Gesù, siamo stati liberati dal peccato: questa liberazione l’abbiamo sperimentata in maniera tangibile. Molti oggi si domandano come mai l’uomo è dato al male e cercano di spiegare tutto ciò con tante teorie che sono tutte false; l’unica ragione per cui l’uomo è dato al male è perché egli è schiavo del peccato che è entrato nel mondo per mezzo del primo uomo. L’uomo quindi ha bisogno di essere liberato da questa schiavitù del peccato e può esserlo solo mediante la fede in Gesù Cristo perché è solo in Lui che c’è la salvezza.
Eravamo sotto il dominio di Satana, cioè dell’avversario di Dio, che è il principe di questo mondo, quello spirito che opera al presente negli uomini ribelli inducendoli a compiere ogni sorta di peccati. Il diavolo non è un mito, o frutto dell’immaginazione umana, no, ma un essere spirituale malvagio che agisce in questo mondo negli uomini e tramite di essi. E’ lui che spinge gli uomini a fornicare, uccidere, commettere adulteri, rubare, dire menzogne e a commettere ogni sorta di ingiustizia. L’uomo è in balia di questo essere malvagio, ecco perché nel mondo gli uomini sono dati al male. E noi pure un giorno eravamo tra gli uomini ribelli al servizio di Satana. Ma Dio nella sua misericordia ci ha riscattati dalla potestà del diavolo mediante la fede in Gesù Cristo. Noi che abbiamo sperimentato questa liberazione possiamo dire che non c’è niente di meglio che sapere di non essere più sotto il dominio di Satana, di questo essere così malvagio. Gli uomini quindi possono essere liberati dal dominio di Satana, e questo può avvenire solo per opera di Gesù Cristo che è Colui che ha vinto il diavolo, che lo ha distrutto morendo e risuscitando dai morti. Credendo in Gesù si viene affrancati dalla mano di Satana, dalla sua potestà. Quindi ancora una volta va messo l’accento sull’opera redentrice di Gesù Cristo.
Noi eravamo parte di questo sistema, cioè di questo mondo. I nostri interessi, i nostri obbiettivi, i nostri desideri, i nostri comportamenti erano come quelli di tutti gli altri. Avevamo quindi l’animo alle cose di questo mondo, alle cose della carne, cose che non danno la vera e duratura gioia, il cui frutto è la morte, sì proprio la morte. Tutte cose per altro vane, in verità la nostra vita era una sorta di corsa dietro il vento. Eravamo prigionieri di questo sistema, e per questo eravamo nemici di Dio come tutti gli altri. Questa è la condizione dell’uomo senza Dio. Ma un giorno me-diante la fede in Gesù siamo stati riscossi da questo presente secolo malvagio, e trasportati nel regno di Cristo. Tutto ciò sempre mediante la fede in Cristo che ha vinto il mondo, e ci ha riconciliati con Dio. Da nemici che eravamo, siamo dunque diventati amici di Dio. Ecco perché adesso non ci sentiamo più parte di questo mondo, viviamo in esso ma non gli apparteniamo più. Cristo ci ha eletti e strappati da esso. Gli uomini quindi posso essere liberati da questo perverso sistema di cose sempre mediante la fede in Cristo.
Noi eravamo su quella via che mena in perdizione, a noi ci aspettava il tormento di un fuoco non attizzato da mano d’uomo. Eravamo perduti e questa era la nostra sorte. E questo perché eravamo schiavi del peccato, di satana e di questo presente secolo che giace tutto quanto nel maligno. Eravamo veramente senza speranza e con la paura della morte che riempiva il nostro cuore. Qualsiasi tentativo di allontanarla da noi risultò inutile; non era sforzandoci di fare i bravi che potevamo essere liberati da quella paura. Bisognava essere salvati dal peccato, e difatti quando siamo stati salvati dal presente secolo siamo stati anche automaticamente salvati dalla paura di morire. Ora, per noi morire è guadagno, e abbiamo quindi il desiderio di partire da questo corpo. Come si può avere ancora la paura di morire avendo ricevuto in Cristo la vita eterna? Come si può avere ancora paura di morire essendo stati riconciliati con Dio? Ma sappiamo anche dove andremo; andremo in paradiso con il Signore. E tutto ciò, mi ripeto ma è di fondamentale importanza, SOLTANTO per la fede in Cristo Gesù. Lui infatti ha pagato appieno il prezzo del riscatto per tutti noi. Lui ci ha acquistato con il suo sangue la redenzione eterna.
A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen.

 

Giacinto Butindaro

 


 

 

 

 

Contatti

Pietre Viventi

enzodigiuseppe80@gmail.com

Gricignano Di Aversa (CE)

Telefono dopo le ore 21:00 -3397815507 (Vincenzo)

Cerca nel sito

Dottrine..

Nel giorno di Cristo il fuoco farà la prova di quel che sia l'opera di ciascuno

    Paolo scrisse ai santi di Corinto: "Io, secondo la grazia di Dio che m’è stata...

La resurrezione dei morti

    Sotto l'Antico patto, Dio aveva predetto che i morti un giorno risusciteranno,...

Il ritorno di Cristo e gli eventi che seguiranno

    Dopo che Gesù Cristo fu risuscitato dai morti, apparve a coloro che egli aveva...

Dove va il cristiano quando muore

  Fratelli nel Signore, voglio che sappiate che quando un cristiano muore, egli muore...

Dove va il peccatore quando muore

    La Parola di Dio insegna che esiste un luogo di tormento nel mondo invisibile,...

L’immortalità dell'anima

  La Parola di Dio insegna che l’essere umano è un’anima vivente perché è scritto che...

La Cena del Signore

  Per ciò che riguarda la cena del Signore, nell’epistola di Paolo ai santi di Corinto...

Il battesimo in acqua

  Noi che abbiamo creduto in Gesù Cristo siamo stati battezzati in acqua nel nome del...

I doni dello Spirito Santo

  Introduzione   L’apostolo Paolo dice ai Corinzi: "Circa i doni spirituali,...

I doni di ministerio

    Introduzione   È scritto: "V’è un corpo unico ed un unico Spirito,...

L’ubbidienza e la sottomissione ai conduttori

    È scritto: "Ubbidite ai vostri conduttori e sottomettetevi a loro, perchè essi...

Il vescovo e il diacono

  Secondo quello che insegna la Scrittura chi desidera assumere nella Chiesa l’ufficio di...

La Chiesa

    Cos'è la Chiesa   La parola italiana chiesa deriva dal greco ekklesia...

Il nostro buon combattimento

  Introduzione   Noi credenti in Cristo Gesù siamo soldati del Signore su questa...

Una parola d'esortazione alle donne

  È scritto: "Ogni persona sia sottoposta alle autorità superiori; perchè non v’è autorità...

Una parola d'esortazione alle donne

  Come la donna deve vestire e comportarsi   Sorelle, voi pure un giorno, per la...

Le decisioni dell'assemblea di Gerusalemme

    Nel libro degli Atti degli apostoli è scritto quanto segue: "Or alcuni, discesi...

Ora siamo un real sacerdozio

    Benedetto sia l’Iddio e Padre del nostro Signore Gesù Cristo, il quale nella...

Siamo trasformati nell'istessa immagine di lui

  "Il Signore è lo Spirito" (2 Cor. 3:17) ed ha cominciato un opera in ciascun di noi e...

Siamo stati salvati per compiere opere buone

    Giovanni dice: "In questo è l’amore: non che noi abbiamo amato Iddio, ma che...

Siamo stati affrancati dal peccato per servire la giustizia

  Paolo dice: "Così anche voi fate conto d’essere morti al peccato, ma viventi a Dio in...

Il battesimo con lo Spirito Santo

    La promessa dello Spirito fatta dal Padre e confermata dal...

Dio ha fatto con noi un nuovo patto, non di lettera ma di spirito

  Dio aveva promesso tramite Geremia che avrebbe concluso con la casa d’Israele e con la...

Il mistero di Dio che è stato manifestato ai santi

  Gesù Cristo: pietra angolare eletta e preziosa per i credenti, ma pietra d'inciampo per...

Il peccato che mena a morte

  In che cosa consiste e l'impossibilità di ravvedersi da esso   L’apostolo...

Si facciano supplicazioni, preghiere, intercessioni, ringraziamenti per tutti gli uomini

    Dobbiamo pregare per gli increduli e per quelli che ci...

Con la vostra perseveranza guadagnerete le anime vostre

  Cari fratelli nel Signore, noi siamo in obbligo di rendere grazie a Dio per voi perchè...

Il proponimento dell'elezione di Dio

  Dio fa misericordia a chi vuole e indura chi vuole     L’apostolo Paolo...

La nuova nascita

  Il motivo per cui è necessaria   Gesù parlò della nuova nascita a Nicodemo, uno...

La giustificazione

  La si ottiene soltanto per fede   Noi tutti eravamo nemici di Dio nelle nostre...

La salvezza dal peccato

  La si ottiene soltanto per fede   La sacra Scrittura afferma che tutti hanno...

La comprensione della Bibbia

  Essendo che la Bibbia è un libro composto da scritti ispirati dallo Spirito del Signore...

La completezza della Bibbia

  La Bibbia contiene tutto ciò che l'uomo ha bisogno di credere per essere salvato e che...

L'ispirazione della Bibbia

  La Bibbia è la Parola di Dio; essa è composta da sessantasei libri di cui trentanove...

La Trinità

  Come abbiamo dunque visto la Divinità è composta da Dio Padre, dal suo Figliuolo Gesù...

Lo Spirito Santo

Nel parlare di Gesù Cristo abbiamo accennato allo Spirito Santo infatti abbiamo detto che Gesù fu...

La storia di Gesù di Nazareth

  Ai giorni dell’imperatore Cesare Augusto, una giovane vergine di Nazareth (una cittadina...

Libri e Religioni

14.01.2014 22:00

libri e Religioni

Presentazione Il New Age La...

STUDI BIBLICI

LE SECONDE NOZZE QUANDO L'ALTRO CONIUGE E' ANCORA IN VITA, VALERIO CACCIOTTI

Valerio Cacciotti Noi continuiamo a credere che il...

Domanda sulla dottrina del rapimento segreto

Domanda sulla dottrina del rapimento segreto Pace...

Nel giorno di Cristo il fuoco farà la prova di quel che sia l'opera di ciascuno

Nel giorno di Cristo il fuoco farà la prova di quel che...

"Or subito dopo l'afflizione di que' giorni

"Or subito dopo l'afflizione di que'...

Il ritorno di Cristo e gli eventi che seguiranno

Il ritorno di Cristo e gli eventi che seguiranno Dopo...

L'oroscopo un inganno del diavolo

L’astrologia sostiene che il carattere dell’uomo nei suoi...

imposizione delle mani

A proposito dell’imposizione delle mani fatta nel nome di...

Elezione

  Fratelli nel Signore, nel libro degli Atti degli...

Come mai?

Come mai? Come mai tanti che si professano...

La vera grazia di Dio ci ammaestra, quella falsa invece inganna

La vera grazia di Dio ci ammaestra, quella falsa invece...

La mancanza di rispetto verso le autorità

La mancanza di rispetto verso le autorità La mancanza di...

L’omosessualità maschile e femminile

L’omosessualità maschile e femminile   La...

L’eutanasia

L’eutanasia Ecco come viene definita l’eutanasia dal...

L'OMICIDIO

L’omicidio E’ scritto nella legge: "Non uccidere" (Es....

VIETATO FUMARE

Il fumo La Parola di Dio, benché non dica...

I doni di ministerio

I doni di ministerio   Home > Dottrina > La...

IL PURGATORIO

Il purgatorio...

Come si manifestava l’amore nella Chiesa primitiva?

Come si manifestava l’amore nella Chiesa...

Come fare a riconoscere un fariseo oggi?

Come fare a riconoscere un fariseo...

LA NOSTRA MISSIONE,

La nostra missione    Sento il bisogno di...

ATTENZIONE AL MICROCHIP

Attenzione al microchip sotto la pelle! Posted on...

CONTRO IL MESSAGGIO DELLA PROSPERITA'

Guardatevi da quelli che predicano il messaggio della...

IL GRANDE AMORE DI DIO

  "Iddio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo...

COME AVVIENE LA REMISSIONE DEI MIEI PECCATI?

Cosa devi fare per ottenere la remissione dei tuoi...

L'INFERNO ESISTE.. la paura di una bara...Dio ti Salva ...

Cosa devi fare per ottenere la vita eterna   O...

TU DEVI NASCERE DI NUOVO..

Tu devi nascere di nuovo     Gesù Cristo un...

LA STORIA DI GESU' DI NAZARET

La storia di Gesù di Nazareth, il Salvatore del...

ESORTAZIONI , PER CHI NON CONOSCE GESU' CRISTO

Mi rivolgo a te che ti sei collegato al nostro sito e che...

IL PURGATORIO

Vi è stato insegnato che quando morirete andrete in...

Imparate a fare il culto familiare

  "Ascolta, Israele: l'Eterno, l'Iddio nostro, è...

Il loro Dio ama che si canti a suon di musica rock, heavy metal, rap, e simili.

Il loro Dio ama che si canti a suon di musica rock, heavy...

DOMANDE SULLE 70 SETTIMANE DI DANIELE

Nei tuoi studi non ho trovato uno studio sulle settanta...

ALESSANDRO IL RAMAIO MI HA FATTO ASSAI MALE..

“Alessandro, il ramaio, mi ha fatto del male assai. Il...

MORIRE PER MANCANZA DI CONOSCENZA

«Ma Gesù, rispondendo, disse loro: Voi errate, perché non...

CONTRO IL CONTROLLO DELLE NASCITE

  Contro il controllo delle...

IL MATRIMONIO UNICO E INDISSOLUBILE

  SINTESI   Ora, Gesù dicendo: “Ed io vi...

ESORTAZIONE PER I PECCATORI

  È normale che un Cristiano abbia paura della...

CONTRO L'ACQUA SANTA

        Che cos’è l’acqua...

CONFESSIONE CHIESA CATTOLICA

    CONFESSIONI....   Ascoltatemi,...

CONTRO LE SUPERSTIZIONI

      Noi credenti siamo circondati da...

CONTRO IL TOTOCALCIO, IL LOTTO...ECC.

  IL LOTTO ,TOTOCALCIO...

CONTRO L'AGOPUNTURA

    L’agopuntura è un metodo di cura delle...

IL CARNEVALE

  Contro il carnevale      Ogni...

FUGGITE HALLOWEEN

  Fuggite Halloween, è la festa delle streghe...

IL NATALE

  La festa di Natale: perchè non va santificata...

UNIVERSALISMO

      Per Universalismo si intende la...

LEGALISMO, L'ACCUSA LANCIATA DA MOLTI

    Fratelli nel Signore, come voi sapete da...

IL PECCATO UCCIDE, E ANCHE IL VOSTRO SILENZIO

  ‘Quando io dirò all’empio: – Certo morrai, – se tu...

QUESTO E QUELLO CHE DIO VUOLE ?

  Un Dio che vuole che la Chiesa si...

E VERO CHE NON SI PUO' GIUDICARE ?

  Introduzione   Quella che segue è la...

MESSAGGI DAL CIELO

  I messaggi mariani a confronto con la bibbia di...

DOMANDE DI UNA SORELLA, COME VESTIRMI?

  Rapporto tra la comunione che un credente deve...

PER TE CHE ANCORA NON CONOSCI GESU' CRISTO

GIOVANNI 3:16  Perciocchè Iddio ha tanto amato il...

CERCHI NEL GRANO

  Il mito dei cerchi nel...

CONTRO L'ECUMENISMO

  Il cambiamento di atteggiamento della Chiesa...

CONTRO IL G12

  Il G12, o la visione del G12 come la chiamano i...

PERCHE NON CREDIAMO NEL PAPA ...

  Come mai voi Evangelici non riconoscete nel papa...

L'EVOLUZIONISMO, ATEI, CONTENZIOSI

    Dio esiste e la sua opera è perfetta –...

LUPI TRAVESTITI DA PECORE

  “Badate a voi stessi e a tutto il gregge, in mezzo...

NON PERMETTO ALLA DONNA DI INSEGNARE

        Alcuni movimenti...

ATEI , CHE NEGANO DIO, E I CONTENZIOSI

  Dio esiste e la sua opera è perfetta – Per gli atei...

QUANDO SI MUORE E TUTTO FINITO?

  Ma quando si muore si cessa del tutto di esistere...

LA CHIESA NELLE CASE

    "Salutate anche la chiesa che è in casa...

ANTIPENTECOSTALI, CESSAZIONISTI BUGIARDI

      Perché un Cristiano non può e...

LA CHIESA CATTOLICA ROMANA

    INCREDIBILE MA...

L'ECUMENISMO E CONTRO LA BIBBIA

  Gradiremmo ricevere informazioni alla luce della...

IDOLATRIA , CHIESA CATTOLICA

  Convertitevi dagli idoli all’Iddio vivente e...

OBIEZIONI CONTRO LA PREDESTINAZIONE, ESAMINATE LE SCRITTURE

  Risposte ad alcune obiezioni sollevate contro la...

PREGATE IN OGNI TEMPO, GIOSUE' VINSE LA BATTAGLIA...

    Sulla preghiera leggi anche Pregare in...

SANI INSEGNAMENTI..TRINITA'

  Una esortazione a studiare e a credere alla...

PREGARE IN GINOCCHIO

  Pregare in ginocchio. Il credente ha tra i suoi...

CULTO A MARIA

  La preghiera rivolta a Maria Premessa La...

SI SONO FATTI UN DIO SU MISURA

  Si sono fatti un Dio su misura Introduzione Nel...

Ecco perché non riconosciamo nel papa il Capo della Chiesa universale

  Ecco perché non riconosciamo nel papa il Capo...

Contro il piercing.

  Contro il piercing.   Leggi anche altri...

Perché Gesù Cristo è chiamato l'Agnello di Dio o l'Agnello?

  Perché Gesù Cristo è chiamato l'Agnello di Dio o...

Domande sul giudizio degli angeli da parte dei santi

  Domande sul giudizio degli angeli da parte dei...

Domande sulla bestia e i due testimoni di Apocalisse

  Domande sulla bestia e i due testimoni di...

Domande sull'Ades, la Geenna e l'inferno

  Domande sull'Ades, la Geenna e...

Gesù risuscitò fisicamente...

  Gesù risuscitò fisicamente o...

Il giudizio a venire.

  Il giudizio a venire.   Leggi anche altri...

Il battesimo con lo Spirito santo

  Il battesimo con lo Spirito Santo   Home...

La Trinità

  La Trinità   Home > Dottrina > Dio |...

Lo Spirito santo

  Lo Spirito Santo     Nel parlare di...

Perseverare nella Parola di Dio

  "Se perseverate nella mia parola, siete veramente...

IL VELO PER LA DONNA IN CHIESA

  Il velo è importante che le donne lo portino? alcuni...

Mancanza nel non denunciare la mondanità nella chiesa

  Come mai oggi non si sente quasi mai nessuno...

La parabola del seminatore. Tu di quale terreno fai parte?

  La parabola del seminatore. Tu di quale terreno fai...

La preghiera rivolta a Maria

  La preghiera rivolta a Maria   La preghiera...

La Cena del Signore

  La Cena del Signore     Per ciò che...

Il battesimo in acqua

  Il battesimo in acqua     Noi che...

Il vescovo e il diacono

  Il vescovo e il diacono     Secondo...

L'immortalità dell'anima

  L'immortalità dell'anima La Parola di Dio insegna...

NON TOLLERO JEZABEL

APOCALISSE 2:20 20 Ma ho alcune cose contro di te: tu...

SOLO GESU' PUO SALVARTI

  Solo Gesù può salvarti!     Sta...

Il battesimo degli infanti non è insegnato dalla Bibbia

  Il battesimo degli infanti non è insegnato dalla...

DOVE VA IL PECCATORE QUANDO MUORE ?

  Dove va il peccatore quando muore La Parola di...

DOVE VA IL CRISTIANO QUANDO MUORE ?

  Dove va il cristiano quando muore Fratelli nel...

IL GIUDIZIO FINALE

      Che cosa dice la Bibbia a riguardo...

ANGELI INTORNO A NOI

  E' vero che ciascuno di noi ha almeno un angelo che...

IL DIAVOLO

  Il diavolo esiste?  Il...

ELEZIONE , PREDESTINAZIONE

  Il proponimento dell'elezione di...

PASSAGGIO A 2 NOZZE,MENTRE IL CONIUGE E ANCORA IN VITA E ADULTERIO

  Confutazione della dottrina: ‘Oltre la morte, anche...

CONTRO L'ABORTO

  Contro l'aborto   L'uomo di oggi, che...

LA DECIMA SOTTO LA GRAZIA ?

  Non è giusto, sotto la grazia, imporre il pagamento...

IL RAPIMENTO SEGRETO ?

  Confutazione del ‘rapimento...

TESTIMONIANZE

La Bibbia che salvò la vita del soldato

  Questa è una storia vera accaduta nel nord est...

Dalla bocca dei fanciulli

  "In quel tempo Gesù prese a dire: Io ti rendo...

Manuel e Roksana Corona

‘Gesù mediante la Sua parola ci ha resi...

BELLISSIMA TESTIMONIANZA, Due ore di vita! «Scegli, o la Bibbia o una bara»

Due ore di vita! «Scegli, o la Bibbia o una bara»  ...

Testimonianza della conversione del rabbino Asher Levi

Per trentacinque anni sono stato rabbino giudeo. Nacqui...

TESTIMONIANZA DI UN BARBONE

  La conversione di un barbone di nome Aissa...

QUANDO GESU' ENTRA IN UNA PRIGIONE.. NEL 1939

    Era l'inverno di guerra 1939-40. Ecco...

PORTATI IN CASERMA PERCHE? , NESSUNO PUO' STROZZARE DIO...

    ‘Nessun uomo ha il potere di strozzare...

 

Vincenzo Di Giuseppe

  Cristiano Evangelico                            Pentecostale

   Contatto email: 
enzodigiuseppe80@gmail.com
 

 

Dove siamo..

Siamo in Gricignano Di Aversa via V.Ronza 18° 

Siamo nella strada della Caserma dei Carabinieri e dell'ufficio postale.
Orari di Culto:      Domenica 10:30 --     Martedi19:30 --     Giovedi 19:30

Contattaci

 

 

La Grazia di Dio sia con tutti voi.

Powered by Webnode